Todesco FP CGIL Veneto “Sicurezza sul lavoro una priorità”
Entro mercoledì 30 ottobre incontro organizzazioni sindacali e Regione

Adesione totale del personale degli Spisal allo sciopero di oggi venerdì 25 ottobre. Fermi i servizi in tutte le Ulss del Veneto con una ottima partecipazione al presidio di Venezia davanti al palazzo della Giunta Regionale. Assieme ai lavoratori hanno partecipato anche delegazioni del sindacato dei metalmeccanici e delle confederazioni, proprio a segnalare la priorità e l’urgenza di interventi in un settore che ha la responsabilità della prevenzione e sul controllo della sicurezza nei posti di lavoro.

“Gli interventi operati in questi anni nella nostra Regione non sono stati all’altezza. Una Regione che proprio per ampiezza e diffusione di attività produttive è tra le prime a segnalarsi per morti e incidenti sul lavoro”, afferma Sonia Todesco della FP CGIL Veneto. “Nonostante gli impegni assunti più volte dalla Regione, anche successivamente alla firma di un protocollo con le organizzazioni sindacali, non abbiamo visto né personale né risorse economiche in più per questi lavoratori. Anzi, tocca scioperare come fatto oggi proprio perché nelle Ulss si vorrebbero utilizzare le risorse degli Spisal per fare dell’altro”.

“L’adesione allo sciopero di oggi è un segnale importante del disagio e dei problemi che questi lavoratori si trovano ad affrontare quotidianamente - aggiunge Todesco - Anche per questo avremmo immaginato maggior attenzione da parte della politica regionale. Certo è un segnale importante che l’Assessore Lanzarin si sia impegnata a convocare le parti sociali entro la settimana prossima; ci saremmo però aspettati, anche per rispetto e considerazione dei lavoratori presenti alla manifestazione di oggi, che qualche assessore di questa regione si fosse fatto vedere”.

“Evidente - conclude Todesco - che la settimana prossima decideremo se e come continuare la mobilitazione in ragione di quello che uscirà dal tavolo che dovrà dare concretezza e risposte ai problemi, non generici impegni”.

Tagged under: Sanità