Il confronto svolto oggi tra organizzazioni sindacali e assessore alle politiche sanitarie e sociali della Regione Veneto ha prodotto la sottoscrizione di un protocollo che avvia il percorso per il riconoscimento economico ai lavoratori delle strutture per anziani direttamente coinvolti nell’emergenza “covid-19”.

“Un incontro positivo” affermano i segretari generali delle categorie sindacali venete “frutto dell’iniziativa svolta assieme ai lavoratori e delle migliaia di firme raccolte a sostegno di questa vertenza”. 
tre temi sui quali abbiamo chiesto di avviare il percorso riguardano la premialità covid-19 ai lavoratori direttamente coinvolti dall’emergenza, la definizione di soluzioni alla grave carenza di organici che mette a pregiudizio l’attività e la definizione di soluzioni di sostenibilità economica per le strutture. Temi sensibili e complessi, anche per la quantificazione di risorse economiche necessarie ad affrontarli, sui quali registriamo la condivisione nell’identificazione del merito delle questioni e nella volontà di trovare soluzioni.

Il protocollo ha condiviso l’avvio di tavoli per affrontare le questioni e l’impegno a farsi promotori su tutti i livelli istituzionali per identificare le quantità economiche integrative per riconoscere il premio e la sua erogazione.

“Noi abbiamo sempre creduto che questa battaglia valesse la pena di essere condotta e per questo l’abbiamo portata avanti con grande determinazione. Con la firma del protocollo abbiamo uno strumento che ci consente di affrontare concretamente temi che riguardano non solo il giusto riconoscimento economico per i lavoratori ma che può consentirci di aprire percorsi di miglioramento delle condizioni di lavoro per migliaia di lavoratori. Che sono loro, nella sostanza, che rendono valore al sistema socio-sanitario-assistenziale della nostra regione”.

Foto del presidio

Scarica il volantino